Si sono conclusi i quarti di finale dei Campionati Europei di volley maschile che si stanno svolgendo in Polonia.  La nazionale tedesca che, grazie alla partnership con Moxoff, sta utilizzando SeTTEX, ha guadagnato l’accesso alle semifinali vincendo 3-1 contro la Repubblica Ceca, che aveva già sconfitto durante la fase a gironi.

Utilizzando i dati raccolti da SeTTEX, abbiamo ripercorso la strada fatta fino a questo momento dalla Germania e analizzato i comportamenti dei palleggiatori incontrati durante il torneo. Abbiamo poi messo in evidenza alcune informazioni sul gioco di Janouch, palleggiatore della Repubblica Ceca, durante la partita di giovedì.


Analisi dello storico

SeTTEX può essere utilizzato nella preparazione delle partite e mette a disposizione dello staff una visualizzazione rapida ed efficace dei dati del palleggiatore avversario. L’app consente di studiare il comportamento del palleggiatore avversario nelle partite precedenti (lo “storico”) e di focalizzare l’attenzione su particolari situazioni di gioco, filtrando i dati in base a zona di alzata, fase di gioco, base del centrale…

Durante questi Campionati Europei la Germania ha incontrato Italia, Repubblica Ceca e Slovacchia nella fase a gironi, poi di nuovo la Repubblica Ceca nei quarti di finale. Con SeTTEX abbiamo studiato il gioco dei tre palleggiatori – Giannelli, Janouch e Zatko – quando sono in seconda linea (fase 1,6,5). Di seguito analizziamo alcune particolari situazioni, che evidenziano differenze nella distribuzione di palla.

Ad esempio, cliccando sulla gallery e scorrendo le immagini nella gallery, vediamo che quando Zatko alza da zona B (in azzurro nelle figure) si appoggia moltissimo sul centrale (88% dei casi), mentre Janouch preferisce l’opposto (40%). La distribuzione di Giannelli, palleggiatore titolare della nostra nazionale, invece è molto più omogenea, infatti, tutti gli attaccanti di prima linea sono serviti con percentuali simili. 

Sempre guardando la gallery e i dati relativi alle alzate nelle fasi 1,6,5, ma concentrandosi sulla zona di alzata E (in verde), si nota che Simone Giannelli alza 3 palloni su 4 allo schiacciatore di banda, mentre Janouch 1 su 2 all’opposto.


Analisi del match

Oltre che nella preparazione della partita, SeTTEX dà un valido supporto anche durante il match: avanzati algoritmi di machine learning analizzano in tempo reale tutte le situazioni di gioco e rilevano evidenze statistiche, quando il comportamento del palleggiatore si scosta da quello atteso dal modello nello storico. Se la numerosità statistica è significativa, il Virtual Coach di SeTTEX filtra le informazioni ed evidenzia allo staff soltanto quelle più importanti.

Ai quarti di finale tra Germania e Repubblica Ceca, così come nella partita d’esordio contro l’Italia, la nazionale tedesca ha interpretato molto bene la partita a muro, infatti 13 sono stati i muri vincenti e 8 quelli subiti. Dei 13 muri che hanno portato la Germania al punto diretto, 8 contrastavano lo schiacciatore di banda di prima linea. Ciò ha fatto sì che Janouch spostasse il gioco sull’opposto e i centrali, come evidenziato dal Virtual Coach in diversi momenti della partita (vedi figure).

Nel campetto in basso si nota che, durante il terzo set in fase P2, la banda di prima linea ha ricevuto soltanto l’11% dei palloni e Janouch ha preferito servire l’opposto in seconda linea e i giocatori che attaccavano nella zona centrale del campo.




Credits immagine di copertina: CEV