Sabato 15 luglio, in occasione della prima edizione del LVF Summer Day – il workshop per i Club della Lega Pallavolo Serie A FemminileMoxoff ha presentato due progetti sviluppati in collaborazione con la Lega: Sherlock, uno strumento per la gestione del calendario gare, e Smart Data Platform, una piattaforma web attraverso cui mettere a fattor comune il patrimonio di dati a disposizione di tutte le società per generare servizi ad alto valore aggiunto per gli staff tecnici, i direttori sportivi e gli atleti.

“Collaborare con Moxoff per noi è importante: gli stimoli di professionisti nel campo della matematica applicata allo sport ci aiuteranno a portare innovazione nel mondo della pallavolo e a fornire servizi migliori ai Club” commenta Piero Rebaudengo, direttore Generale della Lega Pallavolo Serie A Femminile. “Poter gestire autonomamente la generazione del calendario con un algoritmo flessibile, impostando i parametri e monitorando le criticità, ci permette di dare un buon servizio alle società, perché tiene conto di tutte le esigenze e impedisce di fare troppi errori”.

Sherlock è un tool, sviluppato ad hoc da Moxoff per la Lega Pallavolo Serie A Femminile, che permetterà di generare il calendario della Regular Season per le serie A1 e A2, a partire dalla prossima stagione.

“L’algoritmo garantisce e massimizza la fairness, ovvero trova il calendario più equo tra tutti quelli possibili”, spiega Maria Angonese, Analyst & Developer di Moxoff. “Per tener conto dell’alternanza casa-trasferta, delle indisponibilità dei palazzetti, della distribuzione dei big match, delle trasferte europee,… l’approccio adottato per modellizzare il problema è un’ottimizzazione vincolata. Va risolto un sistema che ha in media 4000 equazioni. Le soluzioni vivono in uno spazio di 3000 dimensioni e il calendario va scelto fra circa 3*1025, trenta milioni di trilioni di possibilità”.

Il secondo progetto presentato, la Smart Data Platform, è una piattaforma web, dove saranno gestiti e integrati video, statistiche e analisi avanzate riguardanti le partite di campionato, le performance delle squadre e le valutazioni delle atlete.

“La Smart Data Platform nasce dalla volontà di sfruttare al meglio la grandissima quantità di dati raccolti dalle società, avendo ben chiare le informazioni che si vogliono estrarre”, continua Angonese, “il problema oggi, infatti, non è avere i dati, ma avere quelli giusti: affidabili e parlanti. Le competenze avanzate di statistica e data analysis ci permettono di modellizzarli, analizzarli e rappresentarli efficacemente”.

Gli algoritmi di machine learning che sono alla base della Smart Data Platform permettono di estrarre le informazioni di valore, passando dai big data agli smart data in modo robusto e oggettivo.

“L’oggettivazione del dato è quello che cerchiamo dalla collaborazione con una realtà come Moxoff, che è uno spin-off del Politecnico di Milano”, conclude Rebaudengo. “Ci piace essere all’avanguardia: siamo i primi che fanno cose di questo tipo.”

I due progetti sviluppati in collaborazione con la Pallavolo Serie A Femminile si inseriscono nell’ambito delle attività di matematica applicata allo sport da cui è nato Math&Sport: lo spin-off di Moxoff interamente dedicato allo sviluppo di strumenti matematici di analisi tecnica e tattica per atleti, tecnici e società sportive.


photo credits: Rubin x LVF