Moxoff al Festival del Fundraising

 

Grazie al linguaggio matematico possiamo conoscere ogni aspetto della realtà che ci circonda. Non solo: possiamo utilizzare la matematica per migliorare molti aspetti del mondo in cui viviamo. Moxoff, spinoff del Politecnico di Milano fondato nel 2010, utilizza i più evoluti modelli matematici, metodi numerici e tutte le tecniche di data intelligence per ottimizzare processi e servizi del mondo aziendale e no profit.

In un mondo sempre più ricco di dati e informazioni, anche per le associazioni no profit diventa fondamentale avere un approccio strategico ai dati, decidendo come utilizzarli e organizzarli. Al Festival del Fundraising, Moxoff presenterà le potenzialità della matematica applicata al no profit: grazie alla costruzione di modelli e tecniche statistiche e alle funzionalità di SmartAid, l’intuitiva applicazione di analisi dei dati dei donatori e delle campagne di raccolta fondi, siamo in grado di suggerire ai fundraiser le migliori strategie per campagne di successo e tenuta dei donatori.

Ma, più in particolare, come la matematica può essere utile al fundraiser? Le simulazioni permettono, a esempio, di studiare il budget ottenendo previsioni, analisi e proiezioni per lo studio della variazione della base donatori, in relazione agli investimenti fatti. L’analisi può essere inoltre applicata alla singola campagna, per ottimizzarne il target, oppure dedicata allo studio della vita del donatore, per calcolarne anche il rischio di abbandono. Nel nostro intervento racconteremo anche alcune case history: Greenpeace, Helpcode, Mission Bambini e Progetto Arca.

Utilizzando questi strumenti e ottimizzando i propri investimenti, le organizzazioni avranno più fondi da dedicare alle proprie missioni, con marginalità positive indirette anche sui donatori che a tali cause sono legati.