Moxoff e il Piano Nazionale Impresa 4.0

News del 18/03/2019 – Diagnosi e manutenzione predittiva di un sistema? Previsione della domanda di mercato? Analisi smart di bigdata? Digital Twin di una linea robotizzata? Gestione ottimizzata dei flussi di un magazzino e della produzione? Sono solo alcune delle attività con cui Moxoff può affiancare l’impresa nel percorso di sviluppo digitale, grazie agli strumenti potenti della matematica. Ma sono tutte soluzioni di cui le imprese che si avvalgono del supporto di Moxoff possono recuperare fino al 50% dei costi grazie al Maxiemendamento che ha integrato la Manovra 2019.

Per favorire i processi di trasformazione tecnologica e digitale delle aziende secondo il modello Industria 4.0, infatti, il Maxiemendamento ha – tra le altre cose – prorogato e rimodulato la disciplina relativa all’ammortamento. Tra le novità, dal 2019 sarà possibile dedurre dalle tasse il 140% dei costi di sviluppo di software per l’industria 4.0 su piattaforme cloud, cioè in modalità “as–a–service”, anche tramite abbonamento o subscription. Tutte le imprese quindi, che intraprendono progetti che rientrano nei parametri dell’agevolazione (materiali) possono far rientrare nell’agevolazione acquisti e fornitura di software funzionali alla trasformazione digitale.

Il credito d’imposta per spese di Ricerca & Sviluppo prevede una quota agevolabile del 25%.  A tale misura possono accedere tutte le imprese che effettuano questo tipo di investimenti, indipendentemente da fatturato, forma giuridica, dimensione e dal settore economico in cui operano, nonché dal regime contabile adottato. Infine, è previsto un contributo a fondo perduto fino al 50% dei costi sostenuti per l’acquisto di consulenze finalizzate a sostenere i processi di trasformazione digitale, grazie all’agevolazione “Voucher Manager Innovazione”.

Per ulteriori approfondimenti, scarica il prospetto Innova con Moxoff.